Ci siamo liberati ieri ci liberemo oggi

Ci siamo liberati ieri ci liberemo oggi
25 Aprile 2014: appuntamento in Valnerina. Clicca sull'immagine

giovedì 21 giugno 2012

MONTI ANDRÀ A SBATTERE

La Germania fa sul serio?
verso il giorno del giudizio


di Piemme


Oggi Monti stesso ammette che la "salvezza" non dipende "solo" dalla misure del suo "governo tecnico". A conferma che la grande ammucchiata Pd-Pdl-Udc, sotto il patrocinio del Colle, ha venduto una patacca, spacciato per buono un fasullo Salvatore della patria.
Non appena intronizzato Monti e annunciata la sua cura da cavallo noi abbiamo immediatamente affermato che la possibilità di successo della terapia era prossime allo zero. Lo dicevamo per due ragioni.

La prima, ovvia, era che le misure d'austerità, se in un primo momento avrebbero rimpinguato le casse dello Stato, prima o poi, più prima che poi, avrebbero causato più recessione economica, e quindi a contrazione della ricchezza totale, minor gettito fiscale, con relativa ripresa del rischio di default sul debito pubblico. la prova del nove, fatti quattro conti, sarebbe giunta al massimo a fine 2012, quando la Ragioneria dello Stato avrebbe tirato le somme, scoprendo che il gettito fiscale atteso sarebbe stato bel al di sotto delle aspettative.


Il problema è che il giorno del giudizio rischia di arrivare prima del previsto, e questo attiene alla seconda ragione, sostanziale, del nostro pronostico. vero è che l'economia italiana è profondamente malata, anche a causa dell'enorme debito pubblico, ma lo Stivale è solo uno dei pazienti del reparto rianimazione. Tutto l'Occidente è in condizioni gravissime. Gli USA, certo, stanno messi male, ma grazie al fatto che il dollaro è la principale moneta delle transazioni finanziarie e commerciali mondiali, che sono la principale fortezza militare, la sentinella di ultima istanza dei tutti i capitalismi, essi possono ancora godere della loro rendita di posizione scaricando così all'esterno i fattori della loro stessa crisi.


Il luogo dove si scaricano oggi le tensioni economiche e finanziarie mondiali è l'Unione europea. L'illogica e paradossale costruzione europea attorno ad una moneta senza dietro né Stato, né politiche fiscali e di bilancio comuni —un'unica moneta per capitalismi nazionali confliggenti—, poteva reggere in tempi normali. Non appena certi nodi (tra cui la finanziarizzazione compulsiva) sono venuti al pettine, la fragilità intrinseca dell'architettura eurista ha mostrato le sue crepe strutturali.


Insomma, l'Italia può anche svenarsi per far quadrare i conti e rassicurare i mercati finanziari che onorerà i suoi debiti, ma tutto questo risulterà vano se l'Unione europea tutta non corre ai ripari e non sistema le sue falle. E' infatti bastato che venisse a galla la situazione pre-bancarotta del sistema bancario spagnolo perché non solo i titoli italiani ma quelli di mezza Europa conoscessero una nuova impennata, vanificando in pochi giorni gli sforzi di mesi.


I mercati, leggi i giganti della finanza mondiale, hanno indicato quale potrebbe essere la soluzione. Non basta tartassare il popolo, far faticare i lavoratori come somari e per bassi salari. Essi non ritireranno i loro investimenti dai paesi dell'Unione a patto che tutta l'Unione, quindi la Germania, si facciamo carico, come garanti, del rimborso certo del mare di debiti, pubblici e privati.


La Bce potrebbe farsi carico di questi debiti, diventando creditore di ultima istanza. C'è un problema, che occorrerebbe cambiare il suo statuto, ovvero ripensare d'accapo la sua funzione e missione, fotocopiata da quella della Bundesbank. Quindi Draghi getta la palla nel campo dei politici. Ovvero nel campo da gioco in cui Berlino la fa da padrone.


La Germania della Merkel ha scolpito nella roccia la sua posizione. Saremmo disposti, condizionale, a mettere in comune tutti i debiti (quindi i crediti), ma solo a patto che si percorra l'ultimo miglio verso l'unificazione politica europea: unica politica fiscale, unica politica di bilancio, unica politica economica, unica legislazione del mercato del lavoro. In parole povere il passaggio ad un vero e proprio super-Stato centrale europeo, sulle ceneri degli stati e del relativo principio di sovranità nazionale.


Qui il problema non è tanto chiedersi se l'establishment tedesco (non solo la Merkel) creda davvero in quello che propone. Il problema è chiedersi se questo salto sia fattibile. E ammesso che lo sia, se esso è effettuabile nei tempi stretti della crisi. E' probabile, anzi molto probabile che la Merkel bluffi, ma se è così è perché tutti sanno che per compiere il salto occorre riscrivere daccapo tutti i Trattati europei. Previsione ottimistica: ci vogliono tra i quattro e i sei anni. La stalla verrebbe chiusa quando i buoi se la sarebbero svignata da un pezzo.


E qui arriviamo al decisivo vertice europeo del 28 e 29 giugno. Il giorno del giudizio. Al massimo il vertice adotterà nuove misure tampone, magari consentendo alla Bce e al fondo salva stati, di comprare altri titoli di Stato, o abbassando ulteriormente il tasso di interesse. Questi palliativi saranno forse accompagnati da dichiarazioni d'intenti, più o meno pompose, sulla necessità di procedere alle calende greche, verso gli Stati Uniti (imperialisti) d'Europa.


Al che i "mercati", dopo una settimana di quiete, s'incazzeranno. Mossi dall'impulso di mettere al sicuro le loro rendite e i loro guadagni, daranno vita ad ondate di vendite senza precedenti, facendo nuovamente tremare l'Unione. I diversi interessi dei capitalismi nazionali prenderanno il sopravvento su quelli comuni. La Grecia salterà in aria,  alcuni paesi saranno spinti sull'orlo del baratro, ponendoli difronte alla decisione di decidere, in base alla relazione costi-benefici, se morire per l'euro o se sopravvivere lasciando la moneta unica a chi se la può permettere.


L'uscita dall'euro sarà una scelta obbligata e Monti salterà come un birillo. Oggi veniamo presi per pazzi. Manca poco al tempo in cui, come pazzi, saranno condannati quelli che adesso vengono considerati assennati. Coloro i quali, invece di prepararsi al peggio, si saranno consegnati, come agnelli sacrificali, al rito per tenere in vita uno zombi.






Print Friendly and PDF

2 commenti:

  • Francesco Salistrari scrive:
    21 giugno 2012 20:53

    I tempi stretti della crisi sono voluti e imposti proprio da quei mercati (vedi alta finanza e multinazionali) proprio per favorire quelle scelte (super Stato Europeo) nel più breve tempo possibile.
    Non si lasceranno scappare questa occasione.
    I poteri forti hanno un disegno chiaro e preciso e la crisi, per quanto strutturale, viene sfruttata per operare quelle "riforme" impossibili da attuare in "tempi normali" che azzereranno diritti individuali, del lavoro e renderanno la "democrazia rappresentativa" un semplice orpello ornamentale di quello che resterà degli Stati-Nazione.
    Bisogna fermarli.

  • Anonimo scrive:
    22 giugno 2012 13:32

    Daccapo o da capo non d' accapo.

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (476) economia (344) euro (322) Unione europea (276) sinistra (243) finanza (215) sfascio politico (206) resistenza (181) risveglio sociale (181) seconda repubblica (153) internazionale (152) alternativa (148) teoria politica (142) banche (126) Movimento Popolare di Liberazione (113) elezioni (112) imperialismo (88) berlusconismo (87) M5S (83) destra (78) sollevazione (77) antimperialismo (74) Grillo (73) debito pubblico (71) marxismo (71) proletariato (71) Mario Monti (67) sovranità nazionale (62) democrazia (60) sindacato (53) Libia (51) Rivoluzione Democratica (51) Movimento dei forconi (49) grecia (49) fiat (47) PD (46) Stati Uniti D'America (40) sovranità monetaria (40) proteste operaie (38) solidarietà (37) astensionismo (36) rifondazione (35) inchiesta (34) socialismo (34) azione (33) Emiliano Brancaccio (32) Leonardo Mazzei (31) unità anticapitalisa (31) Moreno Pasquinelli (30) Nichi Vendola (30) capitalismo (30) austerità (29) 9 dicembre (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Siria (27) Germania (26) menzogne di stato (26) Medio oriente (25) costituzione (25) Sicilia (24) filosofia (24) fiom (24) geopolitica (24) islam (23) napolitano (23) sionismo (22) moneta (20) palestina (20) spagna (20) Europa (19) Alberto Bagnai (18) Francia (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) ecologia (17) etica (17) guerra (17) Chianciano Terme (16) bce (16) campo antimperialista (16) Enrico Letta (15) Israele (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Matteo Renzi (14) default (14) fiscal compact (14) Syriza (13) capitalismo casinò (13) legge elettorale (13) silvio berlusconi (13) Cremaschi (12) Lega (12) Sel (12) religione (12) 14 dicembre (11) Tsipras (11) cina (11) fronte popolare (11) globalizzazione (11) liberismo (11) populismo (11) repressione (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) iniziative (10) nazionalismi (10) vendola (10) Chavez (9) MMT (9) Negri (9) decrescita (9) pace (9) sovranità popolare (9) storia (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Ingroia (8) Marcia della Dignità (8) Mirafiori (8) ambiente (8) cultura (8) iran (8) neofascismo (8) nucleare (8) unità anticapitalista (8) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (7) Esm (7) Fiorenzo Fraioli (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Marine Le Pen (7) Marino Badiale (7) Movimento pastori sardi (7) Venezuela (7) incontri (7) islanda (7) keynes (7) obama (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Forconi (6) Monte dei Paschi (6) Ugo Boghetta (6) analisi politica (6) chiesa (6) cinque stelle (6) comunismo (6) golpe (6) scienza (6) Art. 18 (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Front National (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) Mimmo Porcaro (5) Nello de Bellis (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Perugia (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) Vincenzo Baldassarri (5) anarchismo (5) camusso (5) complottismo (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) salerno (5) tremonti (5) umbria (5) ALBA (4) Aldo Giannuli (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Anguita (4) Articolo 18 (4) CSNR (4) Federalismo (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Pier Carlo Padoan (4) Portogallo (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) Wilhelm Langthaler (4) afghanistan (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) proteste (4) referendum (4) salari (4) scuola (4) sinistra sovranista (4) sovranismo (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Argentina (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Costanzo Preve (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Felice Floris (3) Fmi (3) GIAPPONE (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lupo (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Merkel (3) Nato (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Prc (3) Rete dei Comunisti (3) Russia (3) Stato di diritto (3) Ungheria. jobbink (3) antifascismo (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) carceri (3) cuba (3) fratelli musulmani (3) governo Renzi (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) laicismo (3) legge truffa (3) partito (3) patrimoniale (3) presidenzialismo (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Agenda Monti (2) Bahrain (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) Casaleggio (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Eugenio Scalfari (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giorgio Cremaschi (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Imu (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) Patrizia Badii (2) PdCI (2) Pdl (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stefano D'Andrea (2) Stiglitz (2) Turchia (2) Ucraina (2) Yemen (2) anarchici (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) deficit (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) liberosambismo (2) marina silva (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sinistra anti-nazionale (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) uniti e diversi (2) università (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Angelo di Carlo (1) Antonello Cresti (1) Antonio Guarino (1) Ars (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Banca centrale europea (1) Barbara Spinelli (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bulgaria (1) CGIL (1) CLN (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Crimea (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmeffe (1) Emmezeta (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Favia (1) Ferrero (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Salistrari (1) Frente civico (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) HAMAS (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Hollande (1) Ida Magli (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) Jacques Sapir (1) James Holmes (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jens Weidmann (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Kirchner (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Mario Draghi (1) Martin Wolf (1) Massimo Bontempelli (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele fabiani (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Perù (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pizzarotti (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Prodi (1) Profumo (1) Puglia (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Salvatore D'Albergo (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Thatcher (1) Tonguessy (1) Transatlantic Trade and Investment Partnership (1) Transnistria (1) Trilateral (1) Troika (1) Ttip (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) debitori (1) decescita (1) denaro (1) disoccupazione (1) divorzio banca d'Italia Tesoro (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fisco (1) foibe (1) forza nuova (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) i più ricchi del mondo (1) il fatto quotidiano (1) import (1) indulto (1) industria italiana (1) internazionalismo (1) intervista (1) iraq (1) italia (1) keynesismo (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) marxisti dell'Illinois (1) massimo fini (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) necrologi (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) partiti (1) polizia (1) precarietà (1) primarie (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) sciopero (1) seisàchtheia (1) seminario (1) serbia (1) sindacalismo di base (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) sme (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) tasse (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto pubblico (1) troll (1) tv (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)