Ci siamo liberati ieri ci liberemo oggi

Ci siamo liberati ieri ci liberemo oggi
25 Aprile 2014: appuntamento in Valnerina. Clicca sull'immagine

giovedì 24 maggio 2012

MPL (26): IL SIGNIFICATO DELLE ELEZIONI

Il risveglio popolare è iniziato
Rinasce la speranza

Della Segreteria nazionale del Mpl

«I cittadini, dopo anni di apatia, stanchi dei colpi incessanti del potere oligarchico, si vanno liberando dalla prigionia e sono incoraggiati a prendere l’iniziativa, non solo a ridiscutere ma a fare politica. I destini del paese non verranno lasciati in mano ad una cricca di servi corrotti e incapaci. Rinasce la speranza, dalla difesa si può passare all’attacco, tutto diventa possibile. Si chiudono gli spazi per i ruffiani del sistema, si aprono prospettive per le forze che hanno ideee chiare sull’alternativa».
In questo fine settimana l’Emilia è stata investita da due terremoti.
Il primo, di origine naturale e con epicentro a Finale Emilia, ha avuto conseguenze drammatiche per le popolazioni inermi a cui va la nostra piena solidarietà.
Il secondo, di origine politica, ha avuto il suo epicentro a Parma, dove Federico Pizzarotti, del Movimento 5 stelle (M5S), è stato eletto sindaco con uno scarto di ben il 20% sul candidato del centro-sinistra. Questo secondo terremoto, assieme al picco storico raggiunto dall’estensionismo, ha effetti devastanti sull’intero sistema politico italiano.

Prima di segnalare gli effetti immediati di questo terremoto politico e quali potranno essere le sue conseguenze, è bene sottolineare che la sua energia distruttiva viene da un’indignazione accumulata in decenni e cresciuta potentemente con la crisi economica e le crudeli misure d’austerità imposte dai governi di vario colore, fino a quello “tecnico”.

Quali sono gli effetti immediati?

1. La grande maggioranza degli italiani con questo voto ha seppellito la “Seconda repubblica”, un modello istituzionale antidemocratico fondato su leggi elettorali maggioritarie, bipolari e truffaldine e sullo strapotere di ristrette cerchie di politicanti venduti alle oligarchie finanziarie sovranazionali;

2. Sono stati severamente puniti tutti i partiti, dall’estrema destra all’estrema sinistra che, alla corte di Berlusconi o dalla parte di Prodi, hanno occupato la ribalta degli ultimi vent’anni;

3. Nemmeno Monti e il suo governo “tecnico” escono indenni. La grande ammucchiata che lo sostiene in Parlamento è ampiamente minoritaria nel paese, segno indiscutibile che la maggioranza degli italiani non solo considera ingiuste le misure d’austerità ma non crede che esse serviranno davvero ad evitare la catastrofe imminente.

La maggioranza degli italiani non è solo infuriata, chiede un profondo cambiamento politico. Qui sta la ragione del successo del M5S unica forza che ha saputo intercettare non solo la rabbia generale ma pure il desiderio di una radicale svolta politica. Patetico ci appare l’assordante coro dei politicanti difensori del sistema attuale dei partiti ormai in agonia. Servi dei “poteri forti”, essi lanciano all’unisono, contro il M5S, l’anatema del “populismo”. I limiti di questo Movimento sono a noi evidenti, come evidente è anche la sua giusta critica radicale e democratica al sistema, il suo rifiuto delle misure antipopolari di rapina, fino alla richiesta di uscita dall’Unione europea e dall’euro per ripristinare la sovranità monetaria.

Quali le possibili conseguenze future?

1. La batosta ricevuta dal Palazzo, darà una spinta al risveglio e al protagonismo delle masse popolari. I cittadini, dopo anni di apatia, stanchi dei colpi incessanti del potere oligarchico, si vanno liberando dalla prigionia e sono incoraggiati a prendere l’iniziativa, non solo a ridiscutere ma a fare politica. I destini del paese non verranno lasciati in mano ad una cricca di servi corrotti e incapaci. Rinasce la speranza, dalla difesa si può passare all’attacco, tutto diventa possibile. Si chiudono gli spazi per i ruffiani del sistema, si aprono prospettive per le forze che hanno ideee chiare sull’alternativa.

2. Come bestie ferite, i partiti tenteranno di resistere in ogni maniera. Faranno quadrato più di prima attorno al Governo Monti e tenteranno di blindare il potere con “riforme” istituzionali ed elettorali. La loro protervia farà tuttavia calare il loro residuo consenso e finirà per indebolire, tanto più perché la crisi economica diventerà più dura, sia il governo “tecnico” che il Presidente della Repubblica, picconatore della Costituzione e ultimo baluardo del commissariamento del paese.

3. Un colpo letale lo subiranno gli eurocrati e le oligarchie liberiste e rigoriste europee. Il voto italiano, facendo crescere la sola forza che ha avuto il coraggio di presentarsi come anti-sistema, rafforza il flusso della sollevazione popolare iniziato in Grecia. Gli strozzini della finanza predatoria, fino a ieri, temevano solo il “contagio” del crollo dei loro guadagni, adesso debbono temere quello dell’avanzata dell’alternativa, non solo in quanto a misure d’emergenza necessarie ma di modello di società.

Mentre salutiamo l’affermazione del Movimento 5 Stelle, riconfermiamo il Progetto Politico di alternativa del Mpl. Se le forze della reazione si arroccheranno, se non accetteranno di alzare i tacchi, la sollevazione è inevitabile. Facciamo appello a tutte le forze che vogliono salvare il popolo lavoratore e il paese dalla catastrofe, a formare un Fronte ampio per dare vita ad un Governo popolare che applichi alcune misure d’emergenza per il rilancio dell’economia, la piena occupazione, la difesa dei diritti sociali e dei beni comuni, una democrazia repubblicana in cui il popolo eserciti la sua piena sovranità:

- la cancellazione del debito verso la finanza speculativa internazionale
- la nazionalizzazione del sistema bancario, creditizio e assicurativo, l’eliminazione delle banche d’affari
- il ritorno alla lira e l’abbandono dell’euro, il controllo pubblico sulla Banca d’italia
- l’uscita da tutti i blocchi e trattati che soggiogano l’Italia alle grandi potenze e ledono la sovranità nazionale

Per la Segreteria nazionale del Movimento Popolare di Liberazione
Massimo De Santi, Leonardo Mazzei, Moreno Pasquinelli

Leggi il Manifesto del Mpl
Print Friendly and PDF

10 commenti:

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2012 11:38

    Io non vedo tanto ottimismo.
    Odio il PD, ma questa volta hanno ragione purtroppo. Hanno vinto. Quando il PD passa da 40 a 95 sindaci, non puoi focalizzarti come fanno tutti su Parma, dove governava il centrodestra e Bersani può dire che non hanno perso perché non era loro il sindaco uscente

  • la congiura degli eguali scrive:
    24 maggio 2012 12:50

    se il pd non avesse il sistema di potere economico sociale ereditato dal pci, sindacato cgil, cooperative, etc, etc, col cavolo che avrebbe preso quei voti che in valore assoluto sono in deciso e continuo calo; un po di pasienza e tanta opposizione popolare e di classe da parte dei meno abbienti, ed il pd farà la fine del pasok in grecia.

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2012 13:45

    Ma quale vittoria del PD????????
    In termini assoluti, ovvero numero totale di voti ottenuti dalle loro liste, hanno perso un sacco di voti. ha ragione Crozza: il centro sinistra vince dove perdono le primarie (Genova, Belluno e Palermo). Dove le vincono, come a Parma, perdono le elezioni. Insomma il Pd è il primo partito, ma dentro il perimetro della minranza dei votanti.....

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2012 19:23

    Non per difendere il PD ma per scetticismo leopardiano verso l'ottimismo fuori luogo del mpl: se parlate in termini assoluti anche Grillo ha preso il 10 % del 50% degli italiani, ovvero quasi sotto la soglia di sbarramento se fossimo in germania...

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2012 20:00

    ...la forma dell'acqua...occorre cambiare il contenitore...non il contenuto.

  • Anonimo scrive:
    24 maggio 2012 23:42

    a "non per difendere il pd":
    Mi sbaglio o ilM5S ha eletto un sindaco a Parma col 60% dei votanti. Ovvero la percentuale più alta o quasi d'Italia?

  • Anonimo scrive:
    25 maggio 2012 00:36

    Ha pienamente ragione MPL. Il PD perde voti in senso assoluto e vince solo dove si sfalda il centrodestra, Il M5S vince a Parma ma cresce ovunque in particolare al Nord ma anche nelle isole dove a Palermo pur presentandosi la prima volta prende circa il 7%. Dobbiamo poi considerare che l'astensione è cresciuta a circa il 50% e sicuramente in quell'area M5S ha la possibilità di pescare alle prossime politiche al contrario del PD che per l'appoggio a Monti rischierà casomai di perdere ulteriori voti. Questo è realismo....

  • amaryllide scrive:
    27 maggio 2012 01:04

    "se il pd non avesse il sistema di potere economico sociale ereditato dal pci, sindacato cgil, cooperative, etc, etc, col
    cavolo che avrebbe preso quei voti "
    insomma, se non avesse preso i voti che ha preso, col cavolo che prenderebbe i voti che ha preso.
    "Il PD perde voti in senso assoluto e vince solo dove si sfalda il centrodestra,"
    qualunque partito che vince lo fa perchè si sfalda quello che vinceva prima, altrimenti le elezioni non servirebbero a niente.
    Quanto ai grillini, ci vuole davvero un'ingenuità (a essere buoni, a essere cattivi bisognerebbe scrivere qualcosa che verrebbe censurato) infinita per considerare positivo l'avvento di un movimento fondato sul qualunquismo (che è sempre stato di destra) e, soprattuto, che è proprietà privata di una sola persona. "Movimento 5 stelle" non è un partito, è un marchio registrato dal ragioniere Giuseppe Grillo. Siamo alla privatizzazione totale della politica, e voi l'appoggiate. Non ho parole

  • Anonimo scrive:
    27 maggio 2012 12:31

    Si ma il 60% del 60% è comunque meno del 40% degli aventi diritto. Poi ci sono gli stranieri, i minorenni, coloro che hanno avuto condanne sopra i 5 anni e con l'espulsione dai pubblici uffici non hanno diritto a votare...

  • la congiura degli eguali scrive:
    27 maggio 2012 16:41

    dove hai hai letto che mpl appoggi grillo?, forse leggendo qualche comunicato stampa del pd?, ed è inutile che ironizzi, il sistema di potere del pd gli consente di ottenere ancora voti spropositati rispetto alle politiche antipopolari e filoimperialiste del neo partito della borghesia; spero che questi rinnegati facciano la fine del pasok o del psi craxiano; quella sarà una splendida giornata per coloro che vogliono cambiare lo stato delle cose presente, nella prospettiva del socialismo; adesso che parole troverari o non per rispondere?; entra nel merito delle cose anche perchè sappiamo che grillo non rappresenterà mai gli interessi dei ceti sociali subalterni; come vedi la nostra è una scelta di classe per i meno abbienti e contro il capitalismo, la tua qual'è?

Google+ Followers

Lettori fissi

Temi

crisi (476) economia (343) euro (320) Unione europea (275) sinistra (242) finanza (215) sfascio politico (206) resistenza (181) risveglio sociale (181) seconda repubblica (153) internazionale (151) alternativa (147) teoria politica (142) banche (126) Movimento Popolare di Liberazione (113) elezioni (112) imperialismo (88) berlusconismo (87) M5S (82) destra (78) sollevazione (77) antimperialismo (74) Grillo (73) debito pubblico (71) marxismo (71) proletariato (71) Mario Monti (67) sovranità nazionale (62) democrazia (60) sindacato (53) Libia (51) Rivoluzione Democratica (51) Movimento dei forconi (49) grecia (49) fiat (47) PD (46) Stati Uniti D'America (40) sovranità monetaria (40) proteste operaie (38) solidarietà (37) astensionismo (36) rifondazione (35) inchiesta (34) socialismo (34) azione (33) Emiliano Brancaccio (32) Leonardo Mazzei (31) unità anticapitalisa (31) Moreno Pasquinelli (30) Nichi Vendola (30) capitalismo (30) austerità (29) 9 dicembre (28) egitto (28) Assemblea di Chianciano terme (27) Siria (27) Germania (26) menzogne di stato (26) Medio oriente (25) costituzione (25) Sicilia (24) filosofia (24) fiom (24) geopolitica (24) islam (23) napolitano (23) sionismo (22) moneta (20) palestina (20) Europa (19) spagna (19) Alberto Bagnai (18) Francia (17) Mariano Ferro (17) Tunisia (17) ecologia (17) etica (17) guerra (17) Chianciano Terme (16) bce (16) campo antimperialista (16) Enrico Letta (15) Israele (15) immigrati (15) 15 ottobre (14) Matteo Renzi (14) default (14) fiscal compact (14) Syriza (13) capitalismo casinò (13) legge elettorale (13) silvio berlusconi (13) Cremaschi (12) Lega (12) Sel (12) religione (12) 14 dicembre (11) Tsipras (11) cina (11) fronte popolare (11) globalizzazione (11) populismo (11) repressione (11) Bagnai (10) OLTRE L'EURO (10) iniziative (10) liberismo (10) nazionalismi (10) vendola (10) Chavez (9) MMT (9) Negri (9) decrescita (9) pace (9) sovranità popolare (9) storia (9) Algeria (8) Bersani (8) Brancaccio (8) Ingroia (8) Marcia della Dignità (8) Mirafiori (8) ambiente (8) cultura (8) iran (8) neofascismo (8) nucleare (8) unità anticapitalista (8) Coordinamento nazionale della Sinistra contro l’euro (7) Esm (7) Fiorenzo Fraioli (7) Goracci (7) Ilva (7) MMT. Barnard (7) Marine Le Pen (7) Marino Badiale (7) Movimento pastori sardi (7) Venezuela (7) incontri (7) islanda (7) keynes (7) obama (7) rivoluzione civile (7) taranto (7) Bottega partigiana (6) Draghi (6) Ernesto Screpanti (6) Forconi (6) Monte dei Paschi (6) Ugo Boghetta (6) analisi politica (6) chiesa (6) cinque stelle (6) comunismo (6) golpe (6) scienza (6) Art. 18 (5) Bruno Amoroso (5) Daniela Di Marco (5) De Magistris (5) Diego Fusaro (5) Front National (5) Gennaro Zezza (5) Il popolo de i Forconi (5) Lavoro (5) Mimmo Porcaro (5) Nello de Bellis (5) No Monti Day (5) No debito (5) Pcl (5) Perugia (5) Quirinale (5) Regno Unito (5) Sergio Cesaratto (5) Vincenzo Baldassarri (5) anarchismo (5) camusso (5) complottismo (5) di Pietro (5) elezioni siciliane (5) elezioni. Lega (5) europeismo (5) lira (5) magistratura (5) salerno (5) tremonti (5) umbria (5) ALBA (4) Aldo Giannuli (4) Alternative für Deutschland (4) Andrea Ricci (4) Articolo 18 (4) CSNR (4) Federalismo (4) Landini (4) Lucio Chiavegato (4) Pier Carlo Padoan (4) Portogallo (4) Sefano Rodotà (4) Val di Susa (4) Wilhelm Langthaler (4) afghanistan (4) appello (4) arancioni (4) beni comuni (4) brasile (4) cipro (4) cristianismo (4) elezioni siciliane 2012 (4) filo rosso (4) governo (4) irisbus (4) media (4) nazione (4) no tav (4) pomigliano (4) presidente della repubblica (4) proteste (4) referendum (4) salari (4) scuola (4) sinistra sovranista (4) sovranismo (4) svalutazione (4) wikidemocrazia (4) 19 ottobre (3) Anguita (3) Argentina (3) Bernd Lucke (3) Bin Laden (3) Cesaratto (3) Claudio Borghi (3) Claudio Martini (3) Comitato No Debito (3) Costanzo Preve (3) Danilo Calvani (3) Def (3) Dicotomia (3) Felice Floris (3) Fmi (3) GIAPPONE (3) Kke (3) Laura Boldrini (3) Lupo (3) Massimo De Santi (3) Maurizio Fratta (3) Merkel (3) Nato (3) Piero Bernocchi (3) Pisapia (3) Prc (3) Rete dei Comunisti (3) Russia (3) Stato di diritto (3) Ungheria. jobbink (3) antifascismo (3) bankitalia (3) bipolarismo (3) carceri (3) cuba (3) fratelli musulmani (3) governo Renzi (3) il manifesto (3) inflazione (3) internazionale azione (3) internet (3) laicismo (3) legge truffa (3) partito (3) patrimoniale (3) presidenzialismo (3) ratzinger (3) sardegna (3) terremoto (3) violenza (3) wikileaks (3) 11 settembre (2) 12 aprile (2) 27 ottobre 2012 (2) Agenda Monti (2) Bahrain (2) Berretti Rossi (2) Brushwood (2) Cile (2) Contropiano (2) D'alema (2) Eugenio Scalfari (2) Fidesz (2) Forza Italia (2) Francesco Piobbichi (2) Frosinone (2) Frédéric Lordon (2) Giorgio Cremaschi (2) Giulietto Chiesa (2) Grottaminarda (2) Imu (2) Loretta Napoleoni (2) Marco Mainardi (2) Marco Passarella (2) Marocco (2) Mussari (2) Oscar Lafontaine (2) Paolo Savona (2) Papa Francesco (2) Patrizia Badii (2) PdCI (2) Pdl (2) ROSSA (2) Salistrari (2) Scilipoti (2) Stato (2) Stefano D'Andrea (2) Stiglitz (2) Turchia (2) Ucraina (2) Yemen (2) anarchici (2) borsa (2) calunnia (2) casa pound (2) cinema (2) comitato di Perugia (2) deficit (2) derivati (2) diritto di cittadinanza (2) dollaro (2) donna (2) energia (2) giovani (2) governicchio (2) indignati (2) irlanda (2) isu sanguinis (2) ius soli (2) jihadismo (2) liberosambismo (2) marina silva (2) paolo vinti (2) pensioni (2) porcellum (2) razionalismo (2) risorgimento (2) sanità. spending review (2) saviano (2) sinistra anti-nazionale (2) spesa pubblica (2) terzo polo (2) uniti e diversi (2) università (2) xenofobia (2) 11-12 gennaio 2014 (1) 14 novembre (1) 25 aprile 2014 (1) 31 marzo a Milano (1) 6 gennaioMovimento Popolare di Liberazione (1) 9 novembre 2013 (1) A/simmetrie (1) Alavanos (1) Alberto Perino (1) Alcoa (1) Alessandro Mustillo (1) Alessandro Trinca (1) Amoroso (1) Angelo di Carlo (1) Antonello Cresti (1) Antonio Guarino (1) Ars (1) Ars Longa (1) Ascheri (1) Augusto Graziani (1) BRI (1) Banca centrale europea (1) Barbara Spinelli (1) Basilicata (1) Belgio (1) Bielorussia (1) Bifo (1) Bilancio Ue (1) Bilderberg (1) Bini Snaghi (1) Bisignani (1) Boikp Borisov (1) Bolkestein (1) Bretagna (1) Brindisi (1) Bruderle (1) Bulgaria (1) CGIL (1) CLN (1) Cambiare si può (1) Cammino per la libertà (1) Cancellieri (1) Carc (1) Carchedi (1) Carmine Pinto (1) Casaleggio (1) Casini (1) Cassazione (1) Claudio Maartini (1) Claus Offe (1) Corea del Nord (1) Corea del Sud (1) Corriere della sera (1) Crimea (1) Debt Redemption Fund (1) Del Rio (1) Der Spiegel (1) Die Linke (1) Dimitris Christoulias (1) Domenico Losurdo (1) Domenico Quirico (1) ECO (1) Elctrolux (1) Elinor Ostrom (1) Emmeffe (1) Emmezeta (1) Enrico Grazzini (1) Erdogan (1) Eugenio Scalgari (1) F.List (1) FF2 (1) Fabiani (1) Fabriano (1) Favia (1) Ferrero (1) Finlandia (1) Fiorito (1) Foligno (1) Francesco Garibaldo (1) Francesco Salistrari (1) Fronte della gioventù comunista (1) Fuori dall'euro (1) GMJ (1) Genova (1) George Soros (1) Gesù (1) Gezi park (1) Giacomo Vaciago (1) Giancarlo Cancelleri (1) Gianni Ferrara (1) Giuli Sapelli (1) Giulio Girardi (1) Giuseppe Pelazza (1) Giuseppe Travaglini (1) Godley (1) Goldman Sachs (1) Gramsci (1) Guido Lutrario (1) Guido Viale (1) HAMAS (1) Haitam Manna (1) Haiti (1) Haver Analytics (1) Hezbollah (1) Hollande (1) Ida Magli (1) Indesit (1) Italia dei valori (1) J.Habermas (1) Jacques Sapir (1) James Holmes (1) Jean-Claude Lévêque (1) Jens Weidmann (1) João Ferreira (1) Jugoslavia (1) Kirchner (1) Kruhman (1) Kyenge (1) L'Aquila (1) La via maestra (1) La7 (1) Lagarde (1) Legge Severino (1) Lenin (1) Lidia Undiemi (1) Logistica. Ikea (1) Luciano B. Caracciolo (1) Luciano Canfora (1) Luciano Vasapollo (1) Luciano Violante (1) Lucio Magri (1) Lucio garofalo (1) Luigi Nanni (1) Luigi Preiti (1) M5 (1) MNLA (1) Maastricht (1) Mali (1) Marchionne (1) Marco Ferrando (1) Marco Fortis (1) Maria Rita Lorenzetti (1) Mario Draghi (1) Martin Wolf (1) Massimo Bontempelli (1) Maurizio Alfieri (1) Mentana (1) Merloni (1) Michael Jacobs (1) Michele fabiani (1) Mincuo (1) Moldavia (1) Monicelli (1) Morgan Stanley (1) Naji Al-Alì (1) Nepal (1) Noam Chomsky (1) Nord Africa (1) Omt (1) Onda d'Urto (1) Pakistan (1) Paolo Becchi (1) Paolo dall'Oglio (1) Papa (1) Partito del Lavoro (1) Perù (1) Piero Ricca (1) Piero valerio (1) Pizzarotti (1) Porto Recanati (1) Preve (1) Prodi (1) Profumo (1) Puglia (1) Quantitative easing (1) Quisling (1) Raffaele Ascheri (1) Rapporto Werner (1) Ras Longa (1) Riccardo Bellofiore (1) Riccardo Terzi (1) Rizzo (1) Roberto D'Orsi (1) Roberto Musacchio (1) Rodoflo Monacelli (1) Romney (1) SInistra popolare (1) Salvatore D'Albergo (1) Sapir (1) Sebastiano Isaia (1) Sergio Bellavita (1) Sergio Bologna (1) Slai Cobas (1) Solone (1) Sorrentino (1) Spoleto (1) Standard & Poor's (1) Stefano Fassina (1) Stefano Lucarelli (1) Stefano Musacchio (1) Storace (1) Sudafrica (1) TPcCSA (1) Thatcher (1) Tonguessy (1) Transatlantic Trade and Investment Partnership (1) Transnistria (1) Trilateral (1) Troika (1) Ttip (1) Udc (1) Ungheria (1) Unio (1) Veltroni (1) Viale (1) Viktor Orban (1) Vincenzo Sparagna (1) Visco (1) Vittorio Bertola (1) Vladimiro Giacchè (1) W. Streeck (1) Warren Mosler (1) Wen Jiabao (1) Zizek (1) Zolo (1) alleanze (1) alt (1) amnistia (1) andrea zunino (1) apocalisse (1) aree valutarie ottimali (1) arresti (1) assemblea nazionale del 22 e 23 ottobre (1) ateismo (1) austria (1) ballarò (1) battisti (1) benessere (1) bilancia dei pagamenti (1) bonapartismo (1) bontempelli (1) carlo Sibilia (1) carta dei principi (1) censis (1) chokri belaid (1) comitato per la salvaguardia dei numeri reali (1) corruzione (1) cristianesimo (1) david harvey (1) debitori (1) decescita (1) denaro (1) disoccupazione (1) enel (1) ennahda (1) estremismo (1) euroi (1) export (1) facebook (1) fallimenti (1) felicità (1) femminicidio (1) finan (1) finaza (1) fisco (1) foibe (1) forza nuova (1) giacobinismo (1) giornalismo (1) gold standard (1) governabilità (1) grande coalizione (1) guerra valutaria (1) i più ricchi del mondo (1) import (1) indulto (1) industria italiana (1) internazionalismo (1) intervista (1) iraq (1) italia (1) la grande bellezza (1) legalità (1) legge del valore (1) leva (1) libano (1) liberalizzazioni (1) lula (1) maghreb (1) mandato imperativo (1) manovra (1) marcia globale per Gerusalemme (1) marxisti dell'Illinois (1) massimo fini (1) memoria (1) militarismo (1) minijobs. Germania (1) necrologi (1) negazionismo (1) noE-45 autostrada (1) nobel (1) norvegia (1) occupy wall street (1) olocausto (1) operaismo (1) partiti (1) polizia (1) precarietà (1) primarie (1) queswjepjelezioni (1) quinta internazionale (1) rappresentanza (1) rete 28 Aprile (1) riformismo (1) risve (1) sciopero (1) seisàchtheia (1) seminario (1) serbia (1) sindacalismo di base (1) sindalismo di base (1) sinistra critica (1) sme (1) social forum (1) social media (1) socialdemocrazia (1) società (1) sovrapproduzione (1) studenti (1) tasse (1) teoloogia (1) terzigno (1) trasporto pubblico (1) troll (1) tv (1) uassiMario Monti (1) ueor (1) valute (1) vattimo (1) vincolo di mandato (1) yuan (1) zanotelli (1) zapaterismo (1)